Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

martedì 17 Luglio 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

28 aprile 2010
"Molto virtuali e poco farmacie". Articolo tratto da Farmacista33

Molto virtuali e poco farmacie

La vendita on-line di medicinali, già di per sé un illecito, nasconde molto spesso la truffa informatica vera e propria
Circa la metà dei siti internet che vendono farmaci a prezzi stracciati, il più delle volte senza bisogno di ricetta medica, "rappresenta in realtà una vera e propria esca dei pirati informatici, che mirano a infettare i computer degli utenti, a sottrarre identità digitali e dati o a clonare le carte di credito utilizzate per il pagamento a scopi criminali". Questa l'analisi di Domenico Di Giorgio, coordinatore delle attività anti-contraffazione dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), intervenuto ieri mattina a Roma a un incontro organizzato dall'Ufficio brevetti e marchi (Uibm) del ministero dello Sviluppo economico in occasione della Giornata mondiale per la proprietà intellettuale. "Bisogna dire che l'Italia, al contrario della maggior parte dei Paesi anche in Europa, è poco coinvolta dal problema del traffico di medicinali falsi nei canali tradizionali - ha detto Di Giorgio - in quanto il nostro sistema di controlli e tracciatura del farmaco non permette la penetrazione di questi prodotti in farmacia. Resta però una piccola percentuale di persone che si rivolge al web per acquistare soprattutto medicinali contro la disfunzione erettile, anabolizzanti o anoressizzanti. L'Aifa ha dunque avviato uno studio che verrà concluso e presentato a breve, per caratterizzare questi siti e approfondire la conoscenza del problema, anche con la collaborazione di altri Paesi". "Dai primi dati, emersi con l'analisi di alcuni social network sportivi, si evince che per le ultime due categorie di farmaci il canale preferito non è la Rete, bensì le palestre". I siti web "non sono dunque la corsia preferenziale di chi traffica con questi prodotti. Mentre per quanto riguarda i medicinali anti-impotenza, la questione è più 'sommersa' e deve essere approfondita".   Gli esperti hanno rilevato che "digitando su Google parole chiave mirate alla ricerca di farmacie virtuali - prosegue Di Giorgio - circa la metà dei siti che appaiono nella schermata" è in realtà uno specchietto per allodole, "una trappola informatica per internauti sprovveduti, che rischiano l'infezione con virus, fishing, la penetrazione degli hacker nei loro computer. In generale, sono siti che cambiano spesso indirizzo, oppure i criminali reclutano persone che mettano a disposizione il proprio spazio web a questi scopi". Ed è molto difficile risalire ai responsabili di questo tipo di reato o della semplice contraffazione dei medicinali: "da un recente studio su un sito sospetto - conclude l'esperto - abbiamo scoperto che esso era registrato nel Regno Unito. Il server però era americano, le spedizioni provenivano dalla Germania, le transazioni avvenivano nell'Europa dell'Est e i prodotti erano indiani, mentre la società era svizzera".
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere