Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

giovedì 19 Luglio 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

21 luglio 2010
"Riforma della remunerazione, verso un sistema misto". Articolo tratto da Farmacista33

Riforma della remunerazione, verso un sistema misto

Un gruppo di lavoro Assofarm-Federfarma sta elaborando un nuovo modello di remunerazione delle farmacie. La preferenza sembrerebbe andare a un sistema misto basato su una quota fissa a pezzo più una percentuale sul prezzo di vendita. Per metà settembre attesa la proposta definitiva
Si va dai 10 centesimi di euro della Toscana ai 30 dell'Emilia e ai 90 della Lombardia. È in media quello che intascano le farmacie per ogni ricetta del Ssn spedita, prima delle tasse e con un margine stimato al sell in del 29,50%. La stima arriva dallo studio che Assofarm ha presentato martedì al tavolo del gruppo di lavoro costituito assieme a Federfarma per elaborare un nuovo modello di remunerazione delle farmacie. L'obiettivo è quello di definire una proposta congiunta entro la metà di settembre, in modo da presentarla alla parte pubblica in tempo per l'apertura del tavolo previsto dall'emendamento alla Manovra. Tempi che potrebbero essere rispettati nonostante la crisi in corso ai vertici del sindacato titolari, perché dopo il terzo incontro di ieri il gruppo di lavoro ha già abbozzato l'impalcatura della proposta di riforma. In sostanza si conferma la preferenza per un sistema misto basato su una quota fissa a pezzo più una percentuale sul prezzo di vendita, come avviene già in Germania e in Olanda.
Per quanto concerne le quantificazioni, sulla quota fissa Federfarma e Assofarm si stanno orientando su un valore di circa tre euro, da considerare tuttavia come una sorta di retribuzione base: il gruppo di lavoro, infatti, sta definendo una griglia di riferimento che, come accade per i medici di famiglia, incrementi il livello base a seconda delle prestazioni aggiuntive erogate: scatti dovrebbero essere previsti per le farmacie con maggiore personale (per fasce di fatturato), per chi osserva più turni, per le aperture continuate o altro ancora. Esclusi ovviamente i servizi previsti dalla Legge 69/2009, che dovranno essere retribuiti in base a tariffari da concordare nella Convenzione nazionale e in quelle regionali.
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere