Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

sabato 18 Agosto 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

15 febbraio 2016
L'Assemblea dell'Ordine
Il resoconto

Si è svolta domenica 14 febbraio, presso la sede di Galleria Roma, l'Assemblea annuale dell'Ordine dei Farmacisti di Pesaro & Urbino. Dopo gli ultimi due appuntamenti durante i quali i farmacisti avevano incontrato prima i vertici provinciali dei Carabinieri e poi quelli della Guardia di Finanza, alla luce dei tanti fatti di cronaca che riguardano le farmacie (compresa la rapina di oggi a Villa Andrea Costa), questa volta il tema della giornata era dedicato al disagio sociale e al nuovo ruolo dell'Ordine, e della Professione, in conseguenza delle tante novità che hanno cambiato l'impostazione del Sistema. L'Assemblea, svolte le formalità di rito inerenti all'approvazione del bilancio, redatto dalla Segreteria, presentato all’Assemblea dal Tesoriere Lucia Carletti ed approvato all'unanimità, è stata quindi aperta dal Vice Presidente Antonio Astuti nel ricordo di Rocco Bonaposta, il quarantaquattrenne trovato morto al Parco Miralfiore ad inizio anno che praticamente tutti i farmacisti pesaresi conoscevano. Rocco, infatti, era una delle tante persone fragili che, per un motivo o per l'altro, frequentano le farmacie: essendo in pratica queste i primi presidi sanitari presenti e accessibili (in maniera capillare) sul territorio, spesso finiscono con il diventare l'approdo di chi non sa dove andare per cercare aiuto e per affrontare problemi in realtà difficilmente risolvibili. Partendo da questa considerazione, i farmacisti, che ogni giorno hanno a che fare con casi umani difficili, per non dire drammatici, dovrebbero perciò maturare una ancora maggiore consapevolezza e senso di responsabilità, ben sapendo che, in tanti casi, il loro comportamento può essere addirittura decisivo per indirizzare verso possibili soluzioni e, in certi casi, addirittura salvare vite. Rocco Bonaposta, purtroppo, in realtà non ha voluto ricevere nessun tipo di aiuto, pur potendo contare sull'amore di sua madre, Laura Ciacci, che era stata invitata all'Assemblea ma che ha preferito limitarsi all'invio di una lettera contenente, nello stesso tempo, un ricordo del figlio e un atto di accusa generalizzato verso la società e, nel particolare, anche ai comparti sanitari che, non dialogando fra loro, non riescono a rendersi davvero utili davanti a situazioni così ardue da interpretare. Non a caso, il Presidente Romeo Salvi ha incentrato la sua relazione proprio sull'atteggiamento dei farmacisti nei confronti del disagio e, ancor più, su come la Professione si deve porre nei confronti di una serie di questioni di vitale importanza per i cittadini. L'Ordine in questi anni ha svolto questo compito, promuovendo molte iniziative, una per tutte quella sulla Terapia del Dolore. Prendendo spunto sull'organizzazione dei turni di apertura 24 ore del capoluogo, e le varie posizioni degli interessati alla vicenda, dove, per motivi inspiegabili e interpretando in maniera singolare la Legge Regionale che regolamenta i turni, si è bypassato il concetto della "vicinanza" e dell'uniformità di servizio, rischiando di fatto di creare farmacie di Serie A, adatte a svolgere i turni, e Farmacie di Serie B valutate, per certi versi, non adeguate. Salvi ha anche segnalato l'uso soggettivo e spesso non soddisfacente per il cittadino da parte di alcuni colleghi della rete "Trova Farmaco", lo straordinario strumento utile per facilitare la reperibilità di medicinali mancanti. Di particolare importanza etica e professionale il richiamo al rispetto, in tutte le sedi, nei confronti dei professionisti, in modo che possano svolgere autonomamente la loro funzione socio-sanitaria. La farmacia, senza un farmacista libero (troppe figure interagiscono nella Professione in maniera impropria) e aggiornato, diventa solo un contenitore di prodotti. Il Presidente ha auspicato pure l'accessibilità per tutti ai farmaci, usufruendo della rete delle farmacie e non limitandosi a voler gestire importanti molecole solo nei distretti sanitari dell'Area Vasta, spesso senza il supporto della consulenza del farmacista, funzione indispensabile per chi inizia nuove terapie. Una modalità che comporta, inoltre, per molti pazienti la necessità di percorrere decine di chilometri per approvvigionarsi di medicinali salvavita. I tanti argomenti sono stati di stimolo per un dibattito costruttivo, durante il quale sono intervenuti diversi iscritti. Franco Corbucci, ex sindaco di Urbino e farmacista ospedaliero, ora Consigliere dell''Ordine, da buon conoscitore della burocrazia amministrativa e da addetto ai lavori chiamato in causa, ha rimarcato il problema sollevato da Salvi sui farmaci distribuiti dalle strutture pubbliche, con gravi disagi logistici per i cittadini che sarebbero facilmente ovviabili grazie al buon senso dei legislatori in Regione, pensieri ribaditi anche da Roberto Grinta, Dirigente dell'ASUR di Jesi e anch'esso Consigliere, preoccupato inoltre per la mancanza di risorse che in futuro porterà ad ulteriori restrizioni economiche. Claudio Mari, farmacista pesarese titolare e già Consigliere Provinciale, ha successivamente rivendicato una maggiore profondità professionale da attribuire al farmacista, per superare gli scogli culturali che, tuttora, lo relegano in ruolo di secondo piano mentre esisterebbero tutte le potenzialità per poter essere maggiormente riconosciuto come un autentico sanitario. Giancarlo Clini, già Dirigente della Regione e Responsabile Qualità del Provider ECM dell'Ordine, ha infine rimarcato l'eccellenza del servizio farmaceutico italiano, che nonostante le tante storture, anche di carattere legislativo, cui ha dovuto far fronte negli anni, continua a rimanere un esempio di efficienza a livello mondiale...si può dire anche grazie ai farmacisti!

L’Assemblea si è conclusa con la consegna da parte di Michela Battisti, Segretario, e di Federica Gargamelli del Collegio dei Revisori dei Conti, del Tesserino di Iscrizione all’Albo ai nuovi Iscritti.


(a.a.)

 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere