Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

lunedì 26 Ottobre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

21 febbraio 2007
"Un trapianto tragico". Articolo tratto da Farmacista33

Un trapianto tragico

Errore umano, non malasanità, dicono i primi commenti sull"episodio dei pazienti che hanno ricevuto fegato e reni prelevati a una donna sieropositiva all"HIV. Errore umano, ma non inevitabile, dicono altri. Nel disgraziato incidente, come sempre in medicina, c"è la possibilità di trarre un insegnamento
E' vero è il primo caso in 40 anni, come ha precisato Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti. Ma il caso del trapianto in tre pazienti del Policlinico di Careggi (Firenze) degli organi (fegato e reni) prelevati da una donna di 41 anni, sieropositiva all'HIV, ha un impatto emotivo devastante. "Si tratta di un caso - ha spiegato Nanni Costa - avvenuto dopo 40 anni in cui abbiamo realizzato circa 25mila trapianti. Un errore fatale, avvenuto all'interno di una procedura controllata, sicura, efficiente, e di cui i cittadini possono fidarsi ciecamente. Un sistema che - ricorda l'esperto - viene messo in atto ogni volta seguendo delle Linee guida fondate su standard internazionali. E che, in questo tragico caso, ha mostrato anche di essere estremamente trasparente. Nessuno è sfuggito davanti alle sue responsabilità, l'ospedale fiorentino ha immediatamente riconosciuto le sue colpe e ha attivato immediatamente la profilassi antivirale sui pazienti".

Per i tre riceventi "è come aver subito una trasfusione di sangue infetto", ha spiegato Mauro Moroni, direttore del dipartimento di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano e uno dei massimi esperti italiani di Aids, " quindi è altamente probabile che le persone trapiantate all'ospedale Careggi di Firenze contraggano l'infezione da Hiv". Se per Moroni ci sono poche possibilità che l'infezione non avvenga, più rassicurante è la previsione sulle conseguenze dell'incidente dovuto all'errore umano. "L'infezione da Hiv non è più grave nelle persone trapiantate, e dunque sottoposte a terapia con farmaci immunosoppressori. Lo dimostra - aggiunto - l'ampia casistica che oramai abbiamo sui sieropositivi successivamente sottoposti a trapianto".

Al di là delle conseguenze, resta da valutare come sia stato possibile il verificarsi dell'incidente, oltretutto in una struttura che ben difficilmente si ritrova nelle cronache della malasanità. L'errore è stato commesso in un passaggio successivo alla valutazione dello stato degli organi, nella trascrizione dei risultati dell'esame per la ricerca del virus. Il dirigente biologo del laboratorio di analisi di Careggi ha scritto infatti negativo invece di positivo, dando quindi il via libera finale al prelievo. L'errore è stato scoperto in un tempo successivo, nel corso di un'analisi post-trapianto compiuta su campioni di sangue e tessuti della donatrice nel laboratorio di analisi dell'archivio biologico di Pisa, dove vengono conservati i campioni di tessuto dei donatori. "Un errore umano, gravissimo e doloroso, ma non parliamo di malasanità puntando il dito contro il Servizio sanitario nazionale" ha detto Amedeo Bianco, presidente della Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo). "Quando siamo di fronte all'errore umano, che purtroppo può esserci per quanto difficile da comprendere, non credo sia il caso di parlare di malasanità. Dobbiamo essere sobri nel celebrare i successi - ha proseguito Bianco - ma altrettanto sobri nell'avanzare critiche. Bisogna capire come è potuto avvenire un errore simile, ma anche riconoscere la correttezza dell'ospedale fiorentino che non ha esitato ad assumersi le proprio responsabilità". "E' terribile - ha detto l'assessore alla Sanità toscano Enrico Rossi - affidarsi al servizio sanitario con la speranza e la fiducia di poter risolvere gravi problemi di salute e trovarsi poi a dover affrontare altri e così gravi rischi. Adesso è nostro dovere seguire questi pazienti sotto ogni profilo per aiutarli nei prossimi accertamenti e nelle cure appropriate e per assicurare loro il giusto risarcimento. Per quanto riguarda gli accertamenti - prosegue Rossi - quelli da noi effettuati hanno messo in luce che si è trattato di un errore umano e che tutte le procedure previste dal protocollo, che è nazionale e certificato e utilizzato a livello europeo, sono state seguite".

Tra i primi commenti di politici, quello di Ignazio Marino, senatore dell'Ulivo e presidente della Commissione Igiene e sanità del Senato, ma anche trapiantologo di fama internazionale. Marino ha definito l'episodio "gravissimo e inaccettabile" , dovuto a un errore umano, che "non è inevitabile, come sento dire, e non deve mai accadere, in nessun modo". Per questo suggerisce "più livelli di controllo e di intervento, così da eliminare ogni possibilità di errore". Per questa ragione il senatore chiede "sia fatta piena chiarezza sulle cause che hanno condotto a un fatto che non possiamo non definire tragico".
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy