Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

lunedì 26 Ottobre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

20 marzo 2007
"Si segnala poco ma meglio". Articolo tratto da Farmacista33

Si segnala poco ma meglio

La farmacovigilanza in Italia resta ancora carente sul piano quantitativo, ma la qualità delle segnalazioni è notevolmente migliorata. Lo segnala L'AIFA nel primo numero di Reazioni, il nuovo bollettino di farmacovigilanza edito dall'Agenzia
L'attività di farmacovigilanza è centrale nella tutela della salute, tanto che l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha da tempo fissato un gold standard per definire l'efficacia del sistema in un paese: ci devono essere almeno 30 segnalazioni ogni 100 mila abitanti. L'Italia da questo standard è ancora lontana, e da tempo si oscilla attorno alle 10-11 segnalazioni. Ma la situazione va migliorando, come spiega un editoriale di Reazioni, il nuovo bollettino di farmacovigilanza dell'AIFA, che prende il posto di Farmacovigilanza News (la nuova pubblicazione è consultabile anche sul sito dell'Agenzia). Forse il miglioramento non si avverte molto per gli aspetti quantitativi, ma per quelli qualitativi sì. "Migliora la qualità delle segnalazioni di reazioni avverse in Italia: nel 2001 nel 48% delle segnalazioni non era definita la gravità, nell'anno appena trascorso questo dato è sceso al 3,8% " si legge nell'articolo. "Una tendenza importante, che si inquadra nei grandi progressi registrati in questi ultimi anni nel settore".

Secondo l'editoriale, è stata l'attivazione nel 2001 della Rete nazionale informatizzata a permettere di creare "un sistema di collaborazione tra l'AIFA e i responsabili territoriali che ha portato a una ottimizzazione delle attività di farmacovigilanza, dalla raccolta delle segnalazioni spontanee alla comunicazione delle nuove prove sulla sicurezza dei farmaci. Importanti cambiamenti legislativi a livello nazionale e comunitario hanno rappresentato un passaggio fondamentale per il rilancio della farmacovigilanza come attività indispensabile per la tutela della salute pubblica". Resta, è vero, il dato numerico ancora inferiore agli standard sia in termini di segnalazioni che di medici segnalatori ma, come si legge nel bollettino "vi è un'inversione di tendenza rispetto alla diminuzione delle segnalazioni che continuava dal 2002: l'aumento delle segnalazioni del 14,7% ha portato al numero complessivo più alto dal 2002".

Infatti vi sono state l'anno scorso 6.551 segnalazioni, mentre nel 2002 erano state  9.401. Resta la disomogeneità tra le Regioni: "Nel 2006 due regioni, Toscana e Lombardia, hanno fatto registrare un incremento di segnalazioni che esprime tutto l'aumento nazionale, mentre delle altre regioni alcune sono stabili e altre hanno avuto importanti cali di segnalazioni". Tuttavia il miglioramento qualitativo è stato netto "sia per una maggiore completezza delle informazioni, sia per una maggiore aderenza ad alcuni criteri internazionalmente adottati. L'aspetto qualitativo" conclude " è di grande importanza nel processo della generazione di un segnale di allarme poiché maggiori sono le informazioni contenute in una segnalazione tanto più accurate sono la sua valutazione e le eventuali azioni che ne derivano".
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy