Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

venerdì 23 Ottobre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

5 aprile 2007
'Generalisti sempre più rari'. Articolo tratto da Farmacista33

Generalisti sempre più rari

Secondo i calcoli della FIMMG, principale sindacato dei medici di medicina generale, nell'arco di un decennio il numero dei convenzionati scenderà. Fino al punto di mettere in crisi l'assitenza per milioni di cittadini
Undici milioni di italiani potrebbero rimanere senza medico di famiglia entro dieci anni. Colpa del notevole squilibrio che si creerà tra i professionisti di nuova nomina e quelli che andranno in pensione. La previsione di una grave carenza di medici impegnati nelle cure primarie viene dalla Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg). Il tema è affrontato nel documento sulla 'Rifondazione della medicina generale', già discusso dai vertici del sindacato e ora all'attenzione di tutti gli iscritti chiamati, entro il 30 giugno, ad approvarlo.
Ogni anno, spiega la Fimmg, si formano 1.560 medici di medicina generale. Ma da oggi al 2017 ne andranno in pensione 25.500. Il saldo sarà pari a 9.900 medicina in meno. Risultato 11 milioni di pazienti senza medico se non ci sarà un'inversione di tendenza. A fare i conti sono i camici bianchi della
La 'ricetta' della Fimmg, nella proposta di 'Rifondazione', è ''dare la possibilità ai medici di organizzarsi - spiega il segretario nazionale del sindacato Giacomo Milillo - per poter affrontare le esigenze assistenziali di tutti''. E per farlo è necessario ''togliere il medico di famiglia dalla situazione di 'emarginazione' dal sistema che vive oggi. Permettendo, in primo luogo, l'accesso alle funzioni dirigenziali nella medicina del territorio''. Al medico di medicina generale, inoltre, dovrebbe essere fornito il''personale sufficiente perché possa fare il suo mestiere e non debba fare contemporaneamente la segretaria, l'infermiera, il burocrate o altro'', dice Milillo.

Ma il punto forte della riorganizzazione delle cure di base sta nel creare una rete di relazioni tra colleghi che ''pur lasciando i medici nei loro studi, permetta - continua - di strutturare un servizio di medicina generale flessibile alle esigenze del cittadino''. Per tutto questo sono necessari investimenti da parte del Servizio sanitario nazionale. Secondo il sindacato, servirebbe un miliardo e mezzo di euro in più rispetto ai 4 miliardi e 800 mila euro spesi attualmente dal servizio pubblico per la medicina generale. Per quanto riguarda la formazione, invece, il sindacato punta ad ottenere una specializzazione specifica in medicina generale e l'insegnamento universitario della disciplina. Mentre resta ferma la posizione contro un passaggio alla dipendenza per la categoria.
Sanità


Ticket da rispedire al mittente il ticket
Via il ticket di 10 euro sulla specialistica e la diagnostica. A chiedere al governo di accollarsi, "in tutto o in parte", l'introito derivante dalla misura contenuta in Finanziaria sono le Regioni, che ieri in Conferenza a Roma hanno discusso di ticket e federalismo fiscale. La richiesta delle Regioni è arrivata sul tavolo del ministro dell'Economia Tommaso Padoa Schioppa, che alle 16 ha poi incontrato alcuni esponenti della conferenza delle Regioni. "Il ticket di 10 euro sulla ricetta di visite specialistiche ed esami diagnostici - ha spiegato a margine della conferenza della Regioni Romano Colozzi, assessore al Bilancio della Lombardia - è da noi considerato assurdo, perché impoverisce le famiglie soprattutto in caso di pluriprescrizioni. Ecco perché chiederemo al Governo di farsene carico, in tutto o in gran parte". Mentre la discussione tra le Regioni era ancora in corso, "do per scontato - affermava sicuro Colozzi - che su questo punto raggiungeremo l'accordo unanime. Anche perché non è mai successo nella storia della sanità che ci si trovasse di fronte a un ticket così pesante". Ieri, nell'incontro al ministero dell'Economia, "le Regioni - conclude il coordinatore degli assessori al Bilancio della conferenza delle Regioni - hanno formalizzato anche questa richiesta".
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy