Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

lunedì 26 Ottobre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

2 maggio 2007
La Nazionale Farmacisti seconda al Quadrangolare della Sanità
La cronaca della tre giorni di Pesaro

Quadrangolare della Sanità 2007. La Nazionale seconda classificata
La cronaca della tre giorni di Pesaro

Trofeo per la seconda squadra classificata, medaglia d’argento e soprattutto Coppa Disciplina assegnata ai campioni di correttezza: questo il lusinghiero bottino della partecipazione della Nazionale Farmacisti alla decima edizione del Quadrangolare della Sanità che si è svolto a Pesaro dal 28 al 30 aprile.

Veterinari: i “soliti” cannibali
Come in molti si aspettavano, Stefano Biondi, per onorare l’organizzazione del torneo a lui demandata, ha allestito forse la migliore formazione di sempre della Nazionale Veterinari, frutto, come lui stesso ha detto in sede di premiazione, della selezione avvenuta fra più di 200 giocatori in tutta Italia. Come contrastare una simile corazzata? E, difatti, il verdetto del campo non ha dato… scampo alle altre tre compagini, battute quasi in scioltezza. Al di là dei risultati, però, è bene sottolineare che i valori più importanti di manifestazioni come questa sono la condivisione di un momento di sport, il divertimento, lo stare insieme ed il rispetto per l’avversari beh, ci sentiamo di dire che forse quest’ultimo non è stato onorato proprio fino in fondo, dato che non è certo elegante congedarsi con un atteggiamento irridente dagli sconfitti. E, visto che per l’ottavo anno consecutivo la nostra Nazionale è uscita battuta dal confronto decisivo per il titolo con i Veterinari, la cosa ha dato a qualcuno, legittimamente, un notevole fastidio. Non è certo in questo modo che ci si rende simpatici…

Finalissima
In virtù del calendario scaturito dal sorteggio, Farmacisti e Veterinari si sono ritrovati di fronte a punteggio pieno nell’ultima gara. A causa della differenza reti, però, gli uomini di Limonta erano costretti a vincere per conquistare il primato in classifica. Una considerazione vale a rendere l’idea di quanto fosse difficile l’impresa: dal 2004, in 11 partite nei vari Quadrangolari, la nostra Nazionale aveva perso solo 3 partite, tutte contro i Veterinari, gettando alle ortiche una vittoria ormai sicura a Bilione e subendo due dure lezioni a Vipiteno e Paestum. L’approccio psicologico al match è stato poi ulteriormente complicato dal purtroppo ormai consueto depauperamento delle forze per le numerose partenze di molti elementi determinanti (fra cui spiccano Belluco, l’esordiente Filareto, Chechi e Massari) e per alcuni malaugurati infortuni (Scidà e Marchi primi fra tutti, con poi Notarantonio e Vanzan perseguitati rispettivamente da tendinite e pubalgia). Così, il 30 aprile, sul magnifico prato verde dello Stadio Comunale di Montecchio, i Farmacisti hanno schierato Cavagna, Calcagno, Astuti, Curato, Argentieri, Limonta, Notarantonio, Zanon, Mariotti, Pensato, Salvatore. L’obbiettivo era quello di contenere gli scatenati Veterinari per provare a giocarsi tutto nella ripresa. Fino al 30’, il piano ha funzionato, e le occasioni da gol si erano equamente distribuite (anzi, un rasoterra di Pensato aveva sfiorato il palo a portiere battuto). Poi, incredibilmente, 5’ di totale black-out hanno portato ad un devastante 0-3 in stile Manchester-Roma, inaugurato da uno sfortunatissimo autogol di Curato (il cui nome, visti i trascorsi, potremmo accostare a quello del tristemente proverbialmente noto Comunardo Niccolai…), che ha letteralmente tagliato le gambe ad Argentieri e compagni, capaci comunque di andare di nuovo ad una passo dalla rete con un tiro di Zanon deviato miracolosamente in corner. Nel secondo tempo, gli innesti di Vanzan, Comparozzi, Balagna, Marchi e Del Ponte (che così potrà consolarsi delle sue pene d’amore con il decimo timbro di partecipazione al Quadrangolare), hanno portato ad una più che dignitosa prestazione e il gol della bandiera di Vanzan, splendidamente imbeccato da Noarantonio, ha suggellato l’1-4 finale. Che dire? Contro i Veterinari non ci si può distrarre un minuto, figuriamoci cinque; peccato, perché l’impressione di molti è stata che senza quel terribile momento di follia complessiva, con la squadra incapace di reagire e priva del mordente dei restanti 75’ di gioco, le cose sarebbero potute andare diversamente anche se bisogna onestamente ammettere la netta superiorità tattica e soprattutto atletica del team di Biondi. Restano da citare però un probabile rigore ed un clamoroso palo propiziati entrambi da Vanzan sullo 0-3: non sarebbe cambiato niente ma…chissà…?

Due bei successi
Il Quadrangolare si era aperto il 28 aprile nel modo migliore per la Nazionale, con una bella e sofferta vittoria per 1-0 sui Biologi a Borgo Santa Maria. Eroe della giornata è stato il portiere Gigi Buffon Cavagna, in grado nel primo tempo di respingere con la mano di richiamo una bordata conseguente ad una punizione di seconda dentro l’area a non più di 9 metri dalla linea di porta. Questo l’undici di partenza dei Farmacisti: Lavagna, Argentieri, Pensato, Limonta, Massari, Balagna, Notarantonio, Belluco, Salvatore, Mariotti, Zanon. Nella seconda parte di gara sono entrati Comparozzi, Scidà, Curato, Filareto (che ha incrociato i tacchetti con il padre, factotum dei Bilogi) e Astuti. Il mister ha quindi impostato sin dal principio il turn-over per non sfiancare gli uomini a sua disposizione: la mossa ha funzionato alla perfezione nelle prime due giornate mentre nell’ultima, come già detto, le difficoltà hanno fatto saltare parte delle sue idee. Intorno al 70’, Scidà ha messo in movimento Calcagno che ha bruciato prima il suo diretto marcatore e ha “liftato” poi un preciso pallone superando il forte portiere dei Biologi (che in pieno recupero ha tentato la sortita in avanti) per l’1-0 definitivo. Cominciare il torneo con tre punti ha significato poter affrontare l'incontro successivo (contro i dimessi Medici di Gallo travolti 5-0 dai Veterinari), con la giusta tranquillità. E così, domenica 29, è scesa in campo la migliore formazione schierata ultimamente dalla Nazionale: Cavagna, Marchi, Calcagno, Massari, Argentieri, Chechi, Curato, Filareto, Belluco, Salvatore, Zanon, integrati durante gli 80’ da Comparozzi, Notarantonio, Vanzan, Balagna, Pensato, Scidà e Felici. 2-0 il punteggio finale, con reti di Filareto (forse la nota più positiva del torne la sua verde età, unitamente alla grinta e al buon tocco di palla, ne fanno sicuramente un elemento davvero interessante in chiave futura) e Belluco, autore di due prestazioni ai massimi livelli. In realtà, il 2-0 è stato magnanimo nei confronti della sconclusionata compagine capitanata da Stefano Gobbi e solo l’imprecisione in fase conclusiva ha impedito un risultato molto più rotondo, che magari avrebbe fatto comodo in vista della “finalissima” già descritta con i Veterinari che, nel frattempo, avevano battuto 1-0 gli ostici Biologi, dimostratisi un osso duro per tutti e classificatisi al terzo posto in virtù del 4-3 sui Medici, ancora una volta ultimi con buona pace di Rodolfo Gallo (il quale però ha già lanciato il suo guanto di sfida per il 2008, quando sarà lui ad organizzare la kermesse a Jesolo dall’1 al 3 maggio).

Premiazione
“Siamo davvero orgogliosi e felici di essere qui per il decimo anno consecutivo insieme a quelli che ormai consideriamo amici con un filo comune che ci lega”. Queste le belle parole con cui il Presidente della Nazionale, Alberto Marcelletti , ha ritirato le due Coppe per il secondo posto e per il meritatissimo premio fair-play (messo in forse dall’unico cartellino giallo comminato a Vanzan per proteste: il bello è che gli era stato fischiato un off-side mentre lui si era imbufalito credendo di essere stato colto in un fallo ovviamente inesistente…!!!). In effetti, quando nel lontano 1998 si disputò il primo Quadrangolare in quel di Roma, in pochi pensavano di ritrovarsi nel 2007 a festeggiare il decimo anniversario di quello che ormai è diventato un appuntamento tradizionale e per molti impedibile. Una manifestazione oltretutto in grado, snodandosi in tre giorni, di cementare e rafforzare ulteriormente i rapporti fra i nostri associati, obbiettivo primario fra quelli che si propone di raggiungere l’ANIF.

Citazioni
E chiudiamo questo lungo (troppo?) reportage da Pesaro con una serie di citazioni, tese a sottolineare alcune prestazioni degne di nota. Da ricordare le parate di Roberto Cavagna, bravissimo fra i pali ma costretto a capitolare solo per un autogollonzo (traversa, rimpallo, carambola, palla respinta oltre la linea, palo interno…insomma, un po’ di tutto) e incolpevole sulle successive mitragliate dei Veterinari: imbattibile. Ranieri Limonta è stato sicuramente il pilastro della difesa, dirigendo alla perfezione la squadra sia da dentro che da fuori il campo non arrendendosi mai: grintoso. Federico Calcagno, autore del magnifico gol alla Totti contro i Biologi e sempre tonico sulla fascia: arrembante. Gino Chechi, capace di sciropparsi interminabili viaggi in treno pur di dare un sostanzioso aiuto al centrocampo (a proposit come sarà andato il ritorno notturno da Riccione a Pistoia? Lo chiediamo direttamente a lui: ce lo faccia sapere tramite Guestbook): encomiabile. Moreno Mariotti, capitano per un giorno e disponibile a tal punto da accettare di buon grado (?) il turno di riposo deciso per lui dal mister: a anni 53... finalmente maturo. Antonio Filareto, abile a coprire ed “offendere” allo stesso tempo, grazie ai suoi 27 anni, ad una eccellente tecnica e alla sua voglia di emergere: promettente. Paolo Belluco, vero “cervello” della tre quarti e costantemente pericoloso, con i suoi temibili tiri da lontan brillante. Andrea Pensato, cui si può solo chiedere di chiudere appena un pochino di più l’angolo di tiro, viste le ripetute conclusioni finite fuori di un nulla: millimetrico. Matteo Vanzan, quasi sempre affidabile sotto rete (?) pur con qualche chilo di troppo (ma non è una novità…) e i fastidiosi acciacchi fisici che lo limitan potente. E, infine, sono da menzionare l’esordio nel Quadrangolare di Vincenzo Felici (pochi minuti sono bastati a farlo…felice…e se Vanzan non avesse sbagliato un facile controllo ci sarebbe potuto stare anche un gol), il costante incitamento fornito dal bomber a riposo Carmelo Gallace, alle prese con dei guai alla caviglia e quindi assente ma sempre pronto a bordo campo per dare il suo incitamento e la rassicurante presenza del Direttore Generale Angela Calloni e dei Soci non farmacisti Mauro Crivelli (accompagnato dalla simpaticissima ed inseparabile Elisa) e Michele Quaglio, ormai completamente integrati nel nostro splendido gruppo!

(Fonte www.nazionalefarmacisti.com)

_____________________________________________________________________

Il 5 per mille all'Associazione Nazionale Italiana Farmcisti ONLUS
Come effettuare il contributo

L'Associazione Nazionale Italiana Farmacisti ONLUS è stata inserita nell'elenco dei possibili destinatari del contributo del cinque mille sull'imponibile IRPEF (a pagina 204 del fascicolo pubblicato sul sito ufficiale dell'Agenzia delle Entrate). Chiunque potrà quindi decidere di destinare una piccola ma importante cifra per sostenere l'ANIF semplicemente scrivendo il codice fiscale 94586900154 nell'apposito modulo della dichiarazione dei redditi.  Il tutto, è bene sottolinearlo, senza alcun onere dato che il contributo viene estrapolato automaticamente dall'IRPEF senza quindi pesare, dato che verrebbe comunque destinato allo Stat in pratica, anzichè finire all'erario confluisce all'ANIF . E' praticamente inutile invitare non solo gli associati ma tutti i farmacisti e, perchè no, anche gli altri, ad effettuare questa scelta finalizzata a dare all'ANIF un'ulteriore supporto alla sua attività che, come ha detto il Presidente Alberto Marcelletti in occasione di una recente conferenza stampa ad Ancona, ha già prodotto fondi per oltre 100.000€ destinati tutti in beneficenza portando così lustro all'intera categoria. Per notizie ed informazioni sull'attività dell'ANIF www.nazionalefarmacisti.com.
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy