Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

sabato 24 Ottobre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

11 settembre 2007
"Sempre più reazioni avverse". Articolo tratto da Farmacista33

Sempre più reazioni avverse

L'esperienza del sistema di farmacovigilanza statunitense mostra come il fenomeno sia in aumento, e non per quanto riguarda farmaci poi ritirati dal mercato. Una conferma del fatto che l'uso del farmaco, e la sua dispensazione, richiedono una disciplina che poco ha a che fare con le logiche commerciali
In soli 7 anni negli Usa sono quasi triplicati gli eventi avversi legati all'assunzione di farmaci, così come le morti correlate. A fare i conti è uno studio statunitense  pubblicato sugli Archives of Internal Medicine, condotto da Thomas J. Moore e colleghi dell'Institute for Safe Medication Practices di Huntingdon  Valley, Pennsylvania, analizzando le segnalazioni volontarie pervenute dal 1998 al 2005 alla Food and Drug Administration (FDA) e inserite  nel database 'AERS' (Adverse Event Reporting System). Nel periodo in esame, i gravi eventi avversi associati all'assunzione di medicinali (morti, malformazioni alla nascita, disabilità, ricoveri in ospedale o necessità di interventi salvavita o preventivi) sono stati in tutto 467.809. Il numero di casi registrati ogni anno è cresciuto di 2,6 volte, dai 34.966 del 1998 agli 89.842 del 2005. E il numero di episodi mortali è lievitato di 2,7 volte, da 5.519 a 15.107.  

"Complessivamente - spiegano gli autori - l'aumento relativo degli effetti avversi è stato 4 volte più veloce dell'incremento nel numero di prescrizioni, passate dal 1998 al 2005 da 2,7 a 3,8 miliardi". I farmaci all'origine delle segnalazioni sono stati 1.489, di cui 51 associati a 500 o più episodi di effetti avversi l'ann il 43,6% (203.957) di tutti i casi riportati nei 7 anni presi in considerazione dal team statunitense. "Contrariamente alle attese - sottolineano i ricercatori - gli eventi avversi legati all'assunzione di farmaci poi ritirati dal mercato per ragioni di sicurezza hanno rappresentato una quota modesta del totale, e in calo negli anni. Considerando solo i 51 medicinali più spesso alla base di effetti indesiderati, infatti, la percentuale di eventi avversi associati a farmaci ritirati è diminuita tra il 1998 e il 2005 dal 26% all'1%", precisano. Sempre analizzando i dati dell'AERS, i prodotti più a rischio sembrano gli antidolorifici e quelli attivi sul sistema immunitario. "I dati ottenuti mostrano un netto aumento nel numero di decessi e di gravi danni da farmaco - commentano gli autori - I risultati  evidenziano l'importanza di questo problema di salute pubblica, e dimostrano la necessità di potenziare i sistemi volti a gestire meglio i rischi associati alla prescrizione di medicinali". 
Che dire? Nella patria delle liberalizzazioni si chiede un maggior controllo sulla dispensazione e la presctizione dei farmaci, non certo per tutelare monopoli (che non esistono) ma per tutelare la salute dei cittadini.
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy