Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

sabato 31 Ottobre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

28 novembre 2007
"Ricominciano le trattative" e "Una farmacia, più titolari". Articoli tratti da Farmacista33

Ricominciano le trattative

Riprende oggi il confronto tecnico sul sistema farmaceutico. Una tornata importante, che oltre ai rappresentanti del ministero della Salute vedrà confrontarsi con FOFI, Federfarma e Assofarm anche il sottosegretario per lo sviluppo economico, senatore Filippo Bubbico
La base di partenza della trattativa è il documento che ha già da tempo ottenuto il consenso del ministro della Salute Livia Turco e che vale la pena di riassumere:
• Riduzione del numero di abitanti necessario per l'apertura di una farmacia. Oggi la legge prevede l'apertura di una farmacia ogni 5.000 abitanti nei comuni con meno di 12.500 abitanti e di una farmacia ogni 4.000 abitanti nei Comuni con più di 12.500 abitanti. Il tavolo propone di consentire in tutti i Comuni (indipendentemente dal numero dei residenti) l'apertura di una farmacia ogni 3.800 abitanti;
• Possibilità di aprire una farmacia anche senza rispettare il requisito del numero minimo di abitanti, nel caso la farmacia più vicina sia difficilmente raggiungibile. Tale soluzione potrebbe essere applicata nei nuclei con almeno 1.000 abitanti. La nuova farmacia dovrebbe essere situata almeno a 1.500 metri di distanza da una farmacia già esistente; 
• possibilità di garantire il servizio farmaceutico, nei piccolissimi centri, dove una farmacia non potrebbe sopravvivere tramite l'apertura di un dispensario farmaceutico, cioè di una piccola succursale della farmacia più vicina; 
• Apertura di farmacie negli aeroporti, nelle principali stazioni ferroviarie e nei grandi snodi autostradali;  Apertura di farmacie nei grandi centri commerciali; 
• Snellimento delle modalità di assegnazione delle 2.000-2.200 nuove farmacie così individuate. Oggi, la legge prevede una procedura complessa basata su un concorso per titoli ed esami; in molte Regioni i concorsi vengono bloccati da lungaggini burocratiche e da ricorsi;
• Introduzione di maggiore flessibilità negli orari di apertura delle farmacie, in linea con quanto richiesto dall'Antitrust; 
• Eliminazione, a cura dell'AIFA entro tre mesi, dell'obbligo di ricetta medica per i farmaci di uso consolidato e che danno sufficienti garanzie di sicurezza, al fine di ampliare la gamma di medicinali che possono essere venduti nelle parafarmacie e nei supermercati.

Proposte concrete, capaci di considerare sia le esigenze di un più facile accesso alla titolarità, sia le ragioni della concorrenza, pur conservando l'impostazione razionale e regolata che un servizio pubblico deve mantenere. Su questa base, e su questi principi, i rappresentati dei farmacisti sono sempre stati disposti a trattare, come continueranno a fare anche oggi.

Una farmacia, più titolari

Aprire alla multititolarità delle farmacie per rispondere in maniera concreta alle richieste della Commissione europea. La proposta viene da Assofarm, l'associazione che rappresenta le 1.400 farmacie comunali italiane. "Proprio l'esperienza gestionale delle farmacie comunali - si legge in una nota - dimostra la validità della multititolarità nello sviluppo di servizi sempre più qualificati per la salute dei cittadini". Assofarm ritiene "ormai necessaria una legge di riordino nazionale che ammoderni tutto il sistema farmacia cosicché possano essere superate le insidie che provengono dall'articolo 2 del terzo disegno di legge sulle liberalizzazioni, in calendario al Senato, che consentirebbe la vendita dei farmaci di fascia C con ricetta al di fuori del canale delle farmacie. Il lavoro portato avanti dal Tavolo del ministero della Salute e le relative proposte sulle modifiche appunto all'articolo 2 - continua la nota - devono essere integrate da ulteriori norme che in un solo tempo rendano organica la revisione del sistema farmacia in Italia". "Difatti, oltre alle proposte per l'apertura di nuove farmacie (circa 2.200) e lo snellimento dei concorsi per l'assegnazione, fermo restando il diritto di prelazione da parte dei Comuni - prosegue il comunicato - si assicurerà l'apertura di nuove farmacie anche nei grandi centri commerciali, in aeroporti, stazioni e comunque in punti strategici dove è necessario garantire il miglior servizio possibile oltre a una flessibilità degli orari di apertura. Assofarm ritiene necessario che la remunerazione del farmacista vada rivista basandosi non più solo sui prezzi dei farmaci venduti, ma anche sulla qualificazione delle prestazioni farmaceutiche, avviando un processo di rinnovo della Convenzione farmaceutica di alto profilo con il Servizio sanitario nazionale". L'associazione propone quindi "che si individuino le farmacie che si distinguono per i livelli qualitativi dei servizi che saranno erogati al loro interno".
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy