Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

lunedì 26 Ottobre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

15 maggio 2008
"In calo il deficit sanitario". Articolo tratto da Farmacista33

In calo il deficit sanitario

L'ISAE (Istituto di studi e analisi economica) segnala una tendenza positiva per i bilanci sanitari: il disavanzo della sanità italiana nel 2007 ha totalizzato 3 miliardi 169 milioni, con una riduzione del 30% rispetto all'anno precedente
La cifra è imponente, ma si tratta del deficit più basso registrato negli ultimi anni. I sono contenuti nel Rapporto Finanza pubblica e Istituzioni, che dedica un capitolo alla sanità. Nel 2007, l'anno dei Piani di rientro per le 6 Regioni con i conti più in rosso, la spesa sanitaria è stata di 102 miliardi 519 milioni di euro, con un incremento del 2,9% rispetto al 2006, a fronte di un finanziamento - al netto dei fondi stanziati per la copertura dei disavanzi regionali - di 99 mld 351 mln euro. La spesa sanitaria ha quindi raggiunto, lo scorso anno, il 6,7% del PIL.

Le sei Regioni sottoposte ai Piani di rientro (Lazio, Sicilia, Campania, Liguria, Abruzzo e Molise) nel 2007 hanno fatto registrare andamenti diversi. In Lazio e in Sicilia la spesa è diminuita, in Abruzzo è cresciuta (+2,7%) in linea con la media italiana, mentre in Campania, in Molise e in Liguria l'aumento ha leggermente superato la media (con tassi vicini al 4%). In queste Regioni i disavanzi si sono tuttavia ridotti considerevolmente rispetto al 2006. Un dato senz'altro positivo, secondo l'ISAE: la spesa sanitaria in Italia - si sottolinea nel rapporto - continua a crescere, comunque meno del Pil nominale e i disavanzi sono al livello più basso degli ultimi anni. "Sembra dunque che i Piani di rientro stiano producendo alcuni primi risultati positivi - si legge ancora - sia pure differenti tra le diverse Regioni coinvolte. Qualche dubbio riguarda, tuttavia, la piena adeguatezza dei Piani per il rigido congegno di modalità e tempi di attuazione, che prevedono, infatti, una serie di obiettivi intermedi, rigidamente definiti. Né, d'altra parte, le previste sanzioni sono necessariamente adeguate a correggere eventuali squilibri del Piano, poiché questo fornisce un incentivo solo a condizione che gli obiettivi previsti siano realmente realizzabili". L'Istituto, infine, nota che "gli interventi sinora attuati dalle Regioni sono stati limitati preminentemente alla spesa farmaceutica convenzionata e al blocco del turn-over del personale, mentre ancora lontane dall'avvio risultano le misure strutturali ampiamente previste nei Piani, e largamente imperniate sulla riorganizzazione dell'offerta ospedaliera e il conseguente ridimensionamento dei posti letto".
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy