Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

venerdì 23 Ottobre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

24 ottobre 2008
"Più facile spegnere il dolore". Articolo tratto da Farmacista33

Più facile spegnere il dolore

Un provvedimento del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali fa compiere un importante passo avanti al diffondersi della corretta pratica della terapia del dolore sul territorio. Infatti, dal 14 novembre, sarà possibile per il medico prescrivere su ricettario normale anche le specialità per uso orale a base di solo ossicodone al dosaggio di 5 e 10 mg. L'innovazione è contenuta nell'articolo 2 del Decreto 26 settembre 2008 "Aggiornamento e completamento delle tabelle contenenti l'indicazione delle sostanze stupefacenti e psicotrope relative a composizioni medicinali, con la ricollocazione di talune composizioni a base di ossicodone" (Gazzetta Ufficiale n. 242 del 15-10-2008). Come sottolineato anche nel corso dei lavori del X Congresso Nazionale dell'Associazione Italiana di Oncologica Medica appena conclusosi a Verona, la necessità di ricorrere al ricettario speciale costituisce ancora oggi un ostacolo alla diffusione delle linee guida internazionali, che collocano gli oppiacei orali come intervento di prima linea nel trattamento del dolore moderato-severo. Infatti, come ricordato al Congresso, anche tra gli specialisti oncologi solo un 15% circa dispone del ricettario speciale a ricalco. Nel dettaglio della tabella II, sezione D allegata al Testo Unico, si legge che è possibile la prescrizione di «Composizioni per somministrazione orale contenenti ossicodone** e suoi sali in quantità espressa in base anidra, non superiore a 10 mg per unità di somministrazione o in quantità percentuale, espressa in base anidra, tale da non superare il 2,5% p/v (peso/volume) della soluzione multidose; Composizioni per somministrazione rettale contenenti ossicodone e suoi sali in quantità, espressa in base anidra, non superiore a 20 mg». "E' estremamente positivo che il Ministero persegua a tutti i livelli una politica coerente nel campo della lotta al dolore, anche rendendo più semplici le scelte terapeuticamente più razionali. In particolare, le preparazioni a basso dosaggio di ossicodone costituiscono un'arma importante contro il dolore moderato-severo anche per i pazienti oppioidi-naive o non rispondenti ai FANS", ha dichiarato il professor Diego Beltrutti, Presidente del Collegio Italiano dei Medici Algologi. In generale, comunque, il Ministero, nel nuovo decreto, ha ritenuto di modificare le sezioni D ed E della tabella II stupefacenti, eliminando il riferimento ai dosaggi massimi indicati nella Farmacopea e specificando i valori massimi di principio attivo che entra a far parte delle composizioni medicinali ricomprese nelle medesime sezioni D ed E della tabella II, riferendo inoltre i valori massimi di principio attivo contenuto nelle composizioni monodose alle sole unità di somministrazione e non anche alla quantità totale per confezione. Tali modificazioni, pertanto, oltre ai medicinali a base di ossicodone hanno interessato anche i medicinali a base di codeina e diidrocodeina (è opportuno precisare che i medicinali contrassegnati con il simbolo del doppio asterisco [**] sono quelli ricompresi nell'allegato III-bis al DPR 309/1990, vale a dire i medicinali analgesici oppiacei che usufruiscono di modalità prescrittive semplificate). In particolare, oltre ai medicinali contenenti ossicodone, sono ora ricomprese nella sezione D (ricetta non ripetibile):

Composizioni per somministrazioni ad uso diverso da quello parenterale, contenenti acetildiidrocodeina, codeina**, diidrocodeina**, etilmorfina, folcodina, nicocodina, nicodicodina, norcodeina e loro sali in quantità espressa in base anidra, superiore a 10 mg fino a 100 mg, per unità di somministrazione o in quantità percentuale, espressa in base anidra, compresa tra l'1% ed il 2,5% p/v (peso/volume), della soluzione multidose; Composizioni per somministrazione rettale contenenti acetildiidrocodeina, codeina**, diidrocodeina**, etilmorfina, folcodina, nicocodina, nicodicodina, norcodeina e loro sali in quantità, espressa in base anidra, superiore a 20 mg fino a 100 mg per unità di somministrazione". Sono invece ora ricomprese nella sezione E (ricetta ripetibile):

Composizioni per somministrazioni ad uso diverso da quello parenterale contenenti acetildiidrocodeina, codeina**, diidrocodeina**, etilmorfina, folcodina, nicocodina, nicodicodina, norcodeina e loro sali in quantità, espressa in base anidra, non superiore a 10 mg per unità di somministrazione o in quantità percentuale, espressa in base anidra, inferiore all'1% p/v (peso/volume) della soluzione multidose; Composizioni per somministrazione rettale contenenti acetildiidrocodeina, codeina**, diidrocodeina**, etilmorfina, folcodina, nicocodina, nicodicodina, norcodeina e loro sali in quantità, espressa in base anidra, non superiore a 20 mg per unità di somministrazione".
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy