Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

lunedì 26 Ottobre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  FILO DIRETTO > Notizie dall'ordine

1 luglio 2009
Consiglio Regionale delle Marche: rinviata la discussione della Proposta di Legge Sordoni
Il comunicato stampa della Giunta

I LAVORI DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA (seduta del 30 giugno 2009)

Con la presa d’atto delle dimissioni del consigliere Franco Capponi (Pdl) eletto presidente della Provincia di Macerata nell'ultima tornata elettorale, sono iniziati i lavori dell’odierna seduta dell’Assemblea legislativa delle Marche.
A Capponi è subentrato Salvatore Piscitelli, senatore di FI-Pdl, che si é subito dimesso optando per l'incarico parlamentare. L’Assemblea lo ha quindi surrogato con il terzo degli eletti nella lista di FI, Pietro Enrico Parrucci.
Nel suo saluto all'Assemblea, Capponi ha detto di aver visto realizzate proposte portate avanti dai banchi dell'opposizione con grande senso di responsabilità e non per speculazione politica.
“La maggioranza, invece, e la Giunta in particolare - ha proseguito- hanno perso qualcosa nella propria operatività ed efficacia perché la loro azione è molto politicizzata. In una regione dove il 50% della gente vota per il centrodestra e l’altro per il centrosinistra, l'ascolto dell'opposizione dovrebbe essere estremamente importante ed interessato”.
“Questo é un momento di difficoltà - ha concluso- e c'è bisogno di tutti”.
Nel suo breve intervento, il sen. Piscitelli ha informato l’Assemblea di aver ricevuto giorni fa una lettera con cui gli si chiedeva “se era intenzionato a rinunciare all'incarico di consigliere”, ed ha stigmatizzato questa procedura.
Il Presidente Raffaele Bucciarelli ha replicato dicendo che lo scopo esclusivo della missiva era “quello di accelerare tutti gli adempimenti tecnici richiesti dalla normativa''.
L'Assemblea ha quindi approvato all'unanimità dei voti il rendiconto del proprio esercizio finanziario 2008.
''Abbiamo perseguito - ha esordito il relatore di maggioranza Francesco Comi (Pd) - l'obiettivo del contenimento della spesa''.
Dall’atto si evince che la spesa complessiva é risultata pari a 17.086.554 euro, con una diminuzione del 3,49% rispetto al dato consuntivo dell'esercizio 2007. Le entrate effettive (composte esclusivamente dai trasferimenti di fondi dal bilancio regionale) sono risultate pari a 17.465.000 euro. L'avanzo di esercizio per il 2008 é stato di 378.445 euro, che - sommato alle economie derivanti dai residui insussistenti e perenti - ha determinato un avanzo complessivo di 799.208 euro.
Comi ha evidenziato che l'avanzo di esercizio é stato determinato principalmente dal contenimento delle spese di funzionamento per consulenze e collaborazioni, per l'organizzazione di manifestazioni e convegni, per i comitati interni, per il mancato utilizzo da parte dei gruppi dei fondi per l'organizzazione di manifestazioni ed il rinvio di alcune spese di funzionamento.
Il relatore ha preso in esame alcuni capitoli specifici dell'atto, come quello relativo alle indennità di carica e di missione dei consiglieri, che registra un decremento dell'1,86% rispetto alla spesa del 2007 (risultata tuttavia più elevata a causa del pagamento di arretrati per indennità e vitalizi relativi al 2006).
All''interno delle economie del capitolo, Comi ha segnalato il risparmio per il minor costo del carburante ed un minor numero di missioni. Invariate le spese di rappresentanza (40 mila euro), mentre quelle postali, telefoniche e di cancelleria, sono state ridotte del 12,07%.
Per quel che concerne le consulenze esterne, a fronte di uno stanziamento previsto di 515.000 euro, sono stati impegnati 376.211 euro, con un risparmio di 138.788 euro pari al 26,95%.
Il bilancio conferma dunque la tendenza alla riduzione complessiva delle spese, riscontrabile - ha sottolineato Comi - sin dall'inizio dell'attuale legislatura (2005), e legata in particolare alla scelta di accorpare le sedi nel Palazzo delle Marche e, in via transitoria, nell'altro polo unico di Via Oberdan, all'introduzione di tecnologie innovative nell'erogazione dei servizi, all'adozione di procedure e misure organizzative “tendenti all'ottimizzazione dell'uso delle risorse''.
Il consigliere Fabio Pistarelli (An-Pdl) ha motivato la condivisione dell'atto con la razionalizzazione di alcuni interventi che l'opposizione aveva auspicato.
L’Assemblea ha poi approvato all'unanimità dei voti la proposta di legge n.306 contenente norme a sostegno del consumo di prodotti agricoli di origine regionale.
La pdl prevede contributi ai gestori pubblici ed ai soggetti privati convenzionati dei servizi di ristorazione collettiva che garantiscono, nell’ambito della preparazione dei pasti, l'utilizzo dei prodotti agricoli regionali "in misura non inferiore al 50% in termini di valore.”- ha spiegato Massimo Binci (Sinistra democratica), relatore di maggioranza.
Possono beneficiare dei contributi i Comuni, l'Azienda sanitaria unica regionale (Asur), le aziende ospedaliere, le strutture sanitarie socio-assistenziali ed i privati convenzionati con esse.
Alle imprese che somministrano o vendono al pubblico alimenti e bevande verrà concesso un apposito logo se si approvvigioneranno di prodotti provenienti dalle aziende agricole marchigiane “per almeno il 50% in termini di valore”. Verrà inoltre attivato un sito web costantemente aggiornato con l'elenco dei soggetti che utilizzano o promuovono i prodotti regionali.
Dopo l’intervento di Enrico Cesaroni (FI-Pdl), relatore di minoranza, sono intervenuti nella discussione per dichiarazioni di voto i consiglieri Rosalba Ortenzi (Pd), Graziella Ciriaci (Pdl), Giancarlo D'Anna (Pdl), Fabio Pistarelli (Pdl), il quale ha fatto notare come la pdl sia ''una delle poche di iniziativa consiliare”, Antonio D''Isidoro (''Si dice che l''Italia agricola sia un paese per vecchi, ma questa legge fa capire che l'agricoltura potrebbe essere uno degli strumenti per superare la crisi''), e Leonardo Lippi dell'Udc (''E'' ora di cambiare trend. Promuovere la produzione tipica significa avere gli strumenti per attirare risorse economiche nel territorio'').
L'Assemblea ha quindi approvato, sempre all'unanimità, la proposta di legge regionale n. 321 a iniziativa dei gruppi consiliari di Rifondazione Comunista e dei Comunisti Italiani, che prevede di vincolare i contributi erogati dalla Regione alle imprese al mantenimento delle unità produttive sul territorio.
''Anche se si potrebbe dire che chiudiamo le stalle quando i buoi sono usciti - ha commentato il relatore di minoranza Luigi Viventi (Udc) – è comunque un segnale importante quello che viene dal Consiglio''.
“E’ una pdl- gli ha fatto eco D'Anna- che intende porre rimedio ad una situazione che tanti danni ha creato in passato''.
''E' un'azione legislativa - ha rimarcato Giuliano Brandoni (Prc) - che mira, a fronte dei profondi sconvolgimenti prodotti dalla crisi nel tessuto economico regionale, a contrastare i rischi, sempre più presenti, di delocalizzazioni, ed a salvaguardare i livelli occupazionali. E' un passo importante verso una riflessione più articolata sulle politiche industriali della Regione, soprattutto in materia di interventi per l'internazionalizzazione, al fine di evitare che le risorse regionali possano essere utilizzate in maniera distorta per operazioni deleterie per il territorio e per i lavoratori''.
Rinviata, invece, su richiesta del consigliere Franco Sordoni (Idv), la trattazione della proposta di legge per il riordino della normativa sugli orari di apertura ed i turni di servizio delle farmacie marchigiane.
Al termine della seduta l’assessore alla sanità Almerino Mezzolani ha risposto ad un’interrogazione del consigliere Francesco Massi (Pdl) sulla zona territoriale 6 di Fabriano, ed altra della consigliera Ciriaci sulle carenze nell'accoglienza nel reparto oncologico dell'ospedale di Fermo.
L’assessore all'industria e lavoro, Fabio Badiali, ha risposto alle interrogazioni del consigliere Brandoni sull’azienda SIPE di Monte San Vito, e del consigliere D’Anna sulla costituzione del fondo di solidarietà per le Pmi da parte della Regione Marche.

Comunicato n.170 del 30/06/2009
 
Notizie dall'ordine   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy