Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

mercoledì 14 Novembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

  DOCUMENTI > Rassegna Stampa

21 /07/2006
Articolo da 'Il Corriere della Sera' del 10/07/2006

Tra tanti interventi di vario tipo segnaliamo il documento che il Prof. Ulisse Gallo ha inviato al Corriere della Sera, dove viene spiegata in maniera corretta quella che è la funzione della farmacia sul territorio in riferimento alla legislazione del nostro paese:

Farmacie: la nostra legislazione
Ho l’impressione che in fatto di farmacie ci sia molta confusione, generata dall’idea, sbagliata, che noi si debba prendere per oro colato tutto quanto si dice a Bruxelles. Troppi interessi sono in gioco ed è più facile eliminare quanto di buono qualcuno ha già fatto, con la conseguenza inevitabile che trionferà il più potente ed il più furbo. L’odierna situazione italiana è questa:
1) Non esiste più il proprietario della farmacia, ma il titolare, che è un soggetto pubblico o privato, autorizzato dalla Regione ad aprire ed esercitare una farmacia, in base ad elementi precisati dalla legge. Lo Stato infatti, per delega alle Regioni, in seguito a precise norme della Costituzione che tutelano la salute dei cittadini, istituisce un certo numero di presidi sanitari, le farmacie, ripartendole capillarmente per assicurare su tutto il territorio la dispensazione dei farmaci. L’Ente pubblico, tuttavia, non potendo gestire direttamente attività così frazionate le concede in esercizio.
2) In queste strutture istituite dallo Stato lo stesso Stato riserva a professionisti qualificati, i farmacisti, il servizio di pubblica necessità, consistente nella dispensazione al pubblico dei medicinali, soprattutto quelli che l’industria prepara e che può mettere in commercio in tutto il territorio, solo dopo una ben ponderata autorizzazione del Ministero della Salute, anche nei riguardi del prezzo. La riserva ai farmacisti ha una giustificazione legale, analoga a quella riservata ai laureati in legge per l’amministrazione della giustizia in tribunale e ai laureati in medicina per le cure e gli interventi chirurgici in ospedale. Con, tuttavia, una differenza importante e cioè: il farmacista in farmacia è obbligato dalla legge a dispensare o a procurare nel più breve tempo possibile, ogni medicamento richiesto e in considerazione di questo particolare servizio, sono garantite alle farmacie condizioni speciali che assicurano l’indispensabile efficienza economica.
3) Il fatto, infine, che i farmaci siano sottoposti a particolari norme per essere dispensati (senza obbligo di ricetta, con ricetta ripetibile, con ricetta non ripetibile, con ricetta ministeriale, con ricetta di centri specializzati, e, in ambito del Servizio Sanitario Nazionale, ricette con Nota o con piano terapeutico) non discrimina i farmaci, perché per tutti è necessaria la A.I.C. (autorizzazione all’immissione in commercio). La necessità o meno di una delle dette ricette dipende dalla garanzia che l’autorità sanitaria richiede per evitare somministrazioni erronee, dannose alla salute e per questo prevede la responsabilità del farmacista in un ambiente specificamente deputato e controllato.
Se il Governo vuole proprio affidare ai supermercati alcuni farmaci come quelli senza obbligo di ricetta, la cosa più logica da fare consiste nell’eliminare per questi prodotti la necessità dell’A.I.C. ministeriale e nessuno avrebbe ragione di protestare.
Questa è Costituzione. Definire le farmacie e i farmacisti una lobby significa non sapere che a loro non è concesso contestare in alcun modo i provvedimenti di legge come è largamente riconosciuto a tutte le altre attività, pena la chiusura dell’esercizio o la radiazione dall’albo, come previsto dal Codice Penale. Distruggere una organizzazione, ormai sperimentata e apprezzata dai cittadini, per obbedire a Bruxelles, significa non capire che il farmaco è un bene importante per la salute e perciò opportunamente disciplinato.

Ulisse Gallo
già libero docente in Tecnica e Legislazione
farmaceutiche, Università di Pavia

 
backTorna all'elenco   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere